Sostieni la ricerca sul WG

Le 5 R del WG

«Raccogliere e redistribuire», le idee guida che hanno ispirato il welfare redistributivo, cioè le politiche pubbliche di inclusione sociale da Bismarck a Beveridge, sono state innovative nei contesti storici e sociali in cui sono nate e in cui sono state implementate. In una realtà complessa come quella attuale sono inadeguate e superate. Come cambiare strategia, passando da un welfare redistributivo a un welfare generativo?

Condizione necessaria è muovere «dalla logica del costo a quella del rendimento», passare dall’enfasi sul valore consumato a quella sul valore generato. Significa superare "l’amministrazione senza rendimento", con soluzioni capaci di trasformare le risorse a disposizione, puntando sull’innovazione delle risposte e non solo sul loro efficientamento.

Si tratta di passare dal welfare attuale che raccoglie e redistribuisce [W=f(r1, r2)] a un welfare che, oltre a raccogliere e a redistribuire, rigenera le risorse, facendole rendere, grazie alla responsabilizzazione legata a un nuovo modo di intendere i diritti e doveri sociali [W=f(r1, r2, r3, r4, r5)].

Le 5 R del welfare generativo

È una sfida che sollecita le forze politiche, quelle sindacali, imprenditoriali, culturali, della ricerca e del non profit a interrogarsi sulle modalità di attuazione del welfare generativo. 

Ultime notizie

Ripensare la lotta alla povertà in autunno alla Fondazione Zancan

Seconda edizione del laboratorio per l'innovazione sociale "Ripensare l...

Presentazione Rapporto Povertà 2017 della Fondazione Zancan

Giovedì 8 giugno, alle ore 16:30, a Ferrara (presso ASP, Sala Ro...

A Biella si sperimenta il welfare generativo

La Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, insieme a Banca Simetica, h...

Generatività, carità e giustizia: verso nuovi scenari di welfare

Ricordare e guardare al futuro. E' questo l'obiettivo del convegno sul ...